Batteria: il set di piatti – i nomi, i costi e le marche migliori

Il set di piatti è un componente essenziale di una batteria, contribuendo a definire il suo suono e carattere unici. Se stai cercando informazioni sul set di piatti da aggiungere ala tua batteria, sei nel posto giusto. In questo articolo vediamo insieme i nomi dei piatti della batteria, i prezzi, le marche e ti forniremo consigli su come sceglierli.

Sei un principiante? Leggi anche questi contenuti sul mondo delle batterie:

Come si chiamano i piatti della batteria?

I piatti della batteria hanno nomi specifici, evocativi del suono prodotto. Le tipologie variano in base alle loro dimensioni e alla funzione che svolgono nella batteria. Ecco alcuni dei principali piatti della batteria:

  1. Hi-Hat: è composto da due piatti che si chiudono e si aprono utilizzando un pedale dedicato. Il piatto superiore è fissato ad un asta e viene colpito dal piatto inferiore quando il pedale viene premuto.
  2. Crash: i piatti crash sono progettati per produrre un suono tagliente ed esplosivo. Vengono colpiti con le bacchette per creare un effetto accentuato durante il ritmo.
  3. Ride: il piatto ride è un piatto molto usato che offre un suono sostenuto e definito. Viene suonato principalmente per marcare il tempo e creare pattern ritmici.
  4. Splash: gli splash sono piatti più piccoli che producono un suono rapido e brillante. Sono ideali per aggiungere accenti ed effetti speciali durante una performance.
  5. China: I china sono caratterizzati da un suono scuro e distinto, con una breve e intensa risonanza. Sono spesso utilizzati in generi musicali come il rock e il metal per creare un effetto drammatico.

Un ottimo rapporto qualità/prezzo? Scegli un set Zildjan Planet Z

Batteria: il set di piatti

Quanto costano i piatti della batteria?

I costi dei piatti della batteria possono variare notevolmente in base alla marca, al materiale e alla qualità del piatto. È possibile trovare piatti economici a partire da 100 euro. Tuttavia, i piatti di alta qualità, realizzati con materiali pregiati come la lega di bronzo B20, possono costare significativamente di più, arrivando anche a diverse centinaia di euro per un singolo piatto. È importante bilanciare il budget disponibile con la qualità del suono e la durabilità del piatto desiderato.

Come si suona il piatto?

Suonare il piatto richiede una tecnica specifica per ottenere il suono desiderato. Ecco alcuni suggerimenti su come suonare il piatto al meglio:

  1. Il punto esatto: utilizza le bacchette per colpire il piatto nei diversi punti. Il bordo del piatto favorisce un’ampia vibrazione dell’intero strumento, mentre il corpo del piatto genera un acuto “tintinnio”. In alcuni piatti, come ad esempio il ride, si colpisce spesso la “campana” ossia la parte centrale, ad esempio per scandire note centrali all’interno di un brano.
  2. Angolazione e punto della bacchetta: un altro aspetto essenziale è il modo con cui la bacchetta colpisce il piatto. Si può colpire di punta, di collo o col retro della bacchetta, angolando in infiniti modi per avere suoni diversi.
  3. Dinamica: modula l’intensità della tua esecuzione per ottenere variazioni dinamiche nel suono del piatto. Puoi suonarlo piano per un suono delicato o colpirlo con forza per un effetto più energico. Variare le dinamiche tira fuori tutte le sonorità della batteria e dei piatti.

Ovviamente queste descrizioni servono solo a fornire alcune indicazioni sull’argomento, perché solo con lo studio e la pratica si possono comprendere a fondo questi aspetti squisitamente musicali.

Batteria: il set di piatti – marche di qualità

Esistono svariate marche storiche che da decenni producono piatti per batteria, cui si sono aggiunti altrettanti nomi che negli ultimi anni hanno ampliato e diversificato il mercato. Vediamo alcuni esempi dei migliori:

  • Zildjan
  • Sabian
  • Meinl
  • Ufip
  • Istambul
  • Paiste

Ciascuno di questi produttori, come gli altri non presenti in elenco, mette a disposizione sia piatti venduti singolarmente, allo scopo di aggiungerli o sostituirli nel proprio set, ma vengono commerciati anche in combinazioni o set, composti solitamente da un minimo di 3 pezzi (considerando la coppia di hi-hat come 1 pezzo).

Ecco un esempio economico ma di qualità

Batteria: il set di piatti

Si ha così la possibilità di trovare set prestabiliti, che il produttore mette insieme in modo bilanciato, evitando così, soprattutto ai principianti, l’onere di cercarli singolarmente.

I piatti della batteria svolgono un ruolo cruciale nella creazione del suono e dell’atmosfera desiderati. Che tu sia alla ricerca di piatti economici per iniziare o di quelli di migliore qualità sul mercato, assicurati di considerare la marca, il materiale e le dimensioni dei piatti che meglio si adattano al tuo stile musicale e alle tue preferenze personali. Esplora diverse opzioni e prova i piatti in prima persona quando possibile, in modo da trovare la combinazione perfetta per il tuo set di batteria.

Ti potrebbe interessare anche un articolo sui rullanti.